Home Studio Recording Setup  (parte 1)

Home Studio Recording Setup (parte 1)

Home Studio Recording, affronteremo in due articoli una panoramica generale sul setup base per registrare la voce in casa.

Iniziamo dal lato più informatico:

Computer

Al giorno d’oggi avere un computer performante è facile perché i modelli in commercio hanno caratteristiche base già sufficienti ad ospitare i software utili a registrare.

A mio parere, per sopperire alle richieste dei software in commercio, un computer dovrebbe avere i seguenti requisisti minimi:

  • Processore: Quad Core  x64 bit da 3 GHz con cache di seocondo livello (L2) di 6mb. Non importa se INTEL o AMD da queste caratteristiche in su le performance sono sufficienti per la gestione di molte tracce con svariati plugin.
  • RAM minima 8GB è una dimensione che si trova facilmente sugli allestimenti base delle macchine di oggi ed è sufficiente alle nostre esigenze. Ovviamente se disponiamo di più memoria è utile alla causa.
  • HARD DISK la capienza non fa molta differenza, ma consiglio minimo 250GB. Riguardo la tipologia preferisco di gran lunga gli SSD (solid state disc) perché molto più performanti e totalmente silenziosi. Se si opta per uno tradizionale verifichiamo che la velocità della testina sia di 7200 rpm almeno.
  • PORTE USB nel maggior numero possibile in modo da collegare la scheda audio e altre periferiche senza dover scollegare nient’altro (molto utili gli hub usb per estenderne il numero).
  • HARD DISK ESTERNO non è vitale al nostro setup ma oltre a garantire maggiore spazio in caso di esaurimento può essere utile a fare i back up dei progetti. Una pratica che dovrebbe diventare una routine abituale (ci sono molti software che gestiscono la cosa in automatico, vedi time machine per mac/osx ).

Ovviamente non sono caratteristiche obbligatorie anche con delle risorse minori si possono ottenere performance discrete, sicuramente si potrà registrare ma se intendiamo fare anche della post-produzione dovremmo scendere a compromessi.

Scheda audio

Una scheda audio (Audio interface) nel nostro Home Studio ci permetterà di registrare strumenti e voci con una qualità maggiore alle schede commerciali comunemente presenti nei computer.

Sono disponibili svariati modelli che differiscono per tipologia di collegamento, numero di input e output e configurazioni di routing interne. A volte una scheda audio può essere anche un mixer e ci sono mixer che hanno un interfaccia per collegarsi al computer e fungere da scheda.

Assicuratevi che abbia almeno un ingresso XLR, il quale permette di collegare sorgenti con cavi bilanciate, il nostro microfono ad esempio.

Nel mercato esistono molte proposte entry-level di qualità ottima. Vi consiglio di guardare Focusrite, M-Audio e Presonus, ma sono davvero tantissime in commercio a meno di 200 euro.

DAW -Digital Audio Workstation

Una DAW è un software che peremette di registrare ed editare la nostra voce o musica registrata gestendo diversi canali per creare le nostre song e aggiungendo effetti senza alterare la traccia originale e quindi potendo cercare il risultato migliore o sperimentare. Praticamente una DAW oggi ci permette di avere ITB (into the box) nel nostro computer tutta l’attrezzatura a disposizione di uno studio di registrazione per realizzarlo quindi a casa nostra.

Di DAW ne esistono decine, molte sono utilizzabili in entrambi i sistemi MAC e PC.  Tra queste ne esistono 2 gratis che hanno un profilo professionale:

  • StudioOne 3 Prime
    ottimo prodotto. Perfettamente congegnato per la voce, il primo software che gestisce la registrazione audio a latenza zero. non avremmo quel fastidioso ritorno della voce in ritardo in cuffia durante la registrazione. Fornisce nel pacchetto free pochi plugin e instrument ma di buona qualità e ottima usabilità e comunque non manca nulla di indispensabile. un limite è che in questa versione non si possono utilizzare plug-in di terze parti, bisogna comprare un pacchetto apposta. Compatibile Mac e PC.
  • Reaper
    un prodotto open source molto diffuso e continuamente aggiornato dalla comunità di sviluppatori. Ci sono 2 license una commerciale e una utente privato (dal costo di 6o $). La versione trial però non scade realmente e dopo 60 giorni potete utilizzarla aspettando qualche secondo dalla notifica di scadenza. Il motore audio è di ottima qualità. Una gestione del routing del segnale invidiabile e adatta a tutte le esigenze. A volte potrebbe risultare molto complessa ma ci si abitua in fretta. Anche qui pochi plugin forniti di base, dall’interfaccia minimale ma di buona qualità. Utili per tutto quello che può servire alla registrazione, editing e missaggio di una song.  Si possono utilizzare tutti i plug-in di terze parti disponibili. Compatibile con Mac e PC.

PLUG-INS

Esistono svariati tipi di plugin, questo è un ottimo sito dove scaricarne di gratuiti potendo filtrare per tipologia e ambiente di lavoro (Sistema operativo, daw,..)

Genericamente possiamo dividerli in:

  • Processori di dinamica
    compressore, equalizzatore, de-esser, limiter, etc: Servono a  manipolare il suono riducendone o ampliandone la gamma dinamica interamente o solo per alcune frequenze.
  • Effetti d’ambiente
    riverbero, e delay principalmente, simulano la risposta del suono in diversi ambienti. Possono ricreare anche effetti surreali in base alle impostazioni.
  • Effetti di modulazione
    Chorus, Flanger, Phaser, Tremolo, Filtri dinamici e chi più ne ha più ne metta: alterano il suono modulandolo con l’aiuto di  linee di ritardo e filtri principalemente.

I dettagli li vedremo nei prossimi articoli dove vi inizierò a parlare di come registrare la voce e manipolare il segnale.

Nel prossimo  articolo  vi illustrerò la parte hardware più inerente al lato musicale. Il microfono, le cuffie e gli schermi fono correttivi/assorbenti.

Buone registrazioni a tutti.
Ivan Castiglia