E' un lavoro di ricerca ispirato dalla volontà di creare un compendio sui temi più ricorrenti nel forum. Le fonti da cui ho tratto i frammenti, le definizioni e le osservazioni sono interne al forum: una sorta di greatest hits delle cose migliori affinchè vi agevolino, nella migliore delle ipotesi, nel vostro percorso.
Questo thread è organizzato in "definizione", "osservazioni", " suggerimenti", "domande & risposte".
Qui parleremo del:

FALSETTO

Dott. Stefano Brambilla, definizione, ha scritto:

Il falsetto è uno dei registri della voce umana ed è caratterizzato da uno stato di estrema tensione delle corde vocali che determina una vibrazione del solo margine cordale, senza la classica "onda mucosa" sulla faccia superiore delle corde. Ciò conferisce alla voce, estremamente acuta, un colore più povero.
Squillante ma debole, povero in armoniche.
Circa la posizione della laringe dipende: il cosiddetto falsettone è un falsetto molto coperto, simile alla voce piena, ottenuto grazie a estreme strategie di copertura del suono.
Il falsetto ce l'hanno anche le donne: perchè mai una laringe femminile non dovrebbe funzionare, in termini di vibrazione cordale, come una laringe maschile?


Valerio Vanni, Boh3mi4n, definizione, hanno scritto:

La foniatria tratta la cosa in maniera molto neutrale e tranquilla, definendo il falsetto semplicemente come un registro primario della voce. Lo chiama, genericamente, "meccanismo leggero".
La foniatria quando si riferisce ai registri primari intende semplicemente i meccanismi di generazione del suono, non il prodotto complessivo acusticamente percepibile, la cui valutazione può essere soggettiva.
E i primari principali sono il meccanismo pesante e il meccanismo leggero.

  • M0 = fry;
  • M1 = meccanismo pesante (registro modale: possibilità gravi della voce);
  • M2 = meccanismo leggero (falsetto, voce di testa: possibilità acute della voce);
  • M3 = fischio.

Caratteristiche del falsetto:

  • il palato molle è alto;
  • le corde false non sono completamente retratte;
  • la massa cordale è rigida;
  • laringe alta;
  • le pliche (o corde) vocali vere non ben addotte durante il ciclo vibratorio;
  • vibrazione del solo margine cordale;
  • fase di chiusura delle corde più breve di quella di apertura;
  • il piano delle corde è inclinato.

A queste condizioni ne risulta uno scarso rinforzo armonico.

E', inoltre, da considerare falsetto anche l'emissione consapevole del soggetto sano e non disfonico, quando lascerà volontariamente che tra le pliche vocali passi dell'aria (facilmente udibile), a fini artistici.

Nel falsetto i tensori laringei (responsabili della tensione longitudinale) maggiormente - e quasi esclusivamente - implicati sono i cricotiroidei.

Ai cricotiroidei "resistono" gli interatenoidei , i tiroaritenoidei e i cricoaritenoidei laterali, la cui detta "resistenza" partecipa alla gestione dell'altezza tonale.

Una corretta (o per lo meno, adeguata) partecipazione del gruppo aritenoideo è importante per determinare senza break la transizione da un registro, generalmente modale (ovvero m1) a quello di falsetto (quindi m2, inteso come registro medio-acuto e genericamente come possibilità medio-acute della voce).

Il meccanismo 2 (m2) è proprio sia del falsetto, sia della voce di testa: ciò che cambia è il variabile rapporto tra cricotiroidei e aritenoidei da cui deriva un diverso grado di configurazione laringea che, nel falsetto, implicherà un piano delle corde inclinato (corde non rilassate, come detto prima);
Nella voce di testa, un piano delle corde orizzontale (corde più rilassate).

Quest'ultima (la voce di testa) si ottiene tramite una certa calibrazione del lavoro dei muscoli cricotiroidei e quelli aritenoidei (insieme alla gestione della pressione aerea sotto-glottica) che produrrà, nell'area di transizione tra mi1 ed m2, un adeguamento del vocal tract atto a far sì che il risultato timbrico derivante dall'operazione continui ad essere percettivamente omogeneo (ed armonicamente ricco) durante l'ascesa tonale.

In musica moderna, il break [1] che nel cantante inesperto si verifica in conseguenza della scarsa capacità di gestione del gesto pneumofonico (da cui deriva l'emissione in falsetto) può essere stilisticamente capitalizzato, volontariamente, come strumento d'espressione.

Esempi noti: Chris Martin (Coldplay. Brano di riferimento: "Yellow"), Matthew Bellamy (Muse. Brano di riferimento: "Unintended").

[1] Il falsetto (m2), dunque, per incompetenza o per scelta consapevole non risulterà facente parte di un unico registro omogeneo -cosa che accadrebbe con un opportuno uso dei muscoli cricotiroidei e aritenoidei- ma di un registro scollegato.


Dott. Franco Fussi, definizione, ha scritto:

La prevalenza del sistema cricotiroideo fa sì che le corde vibrino solo sul loro bordo libero, con un tempo di contatto che è inferiore al 40% dell'intero ciclo vibratorio. Il timbro vocale risulta allora povero di armoniche, debole di intensità e spesso correlato a sen¬sazione percettiva di "fissità";
Per quanto concerne una sua collocazione artistica, il registro di falsetto viene utilizzato dai tenori primi di cori polifonici per eseguire brani con tessitura molto elevata, dai cantanti di yodeling tirolese (con atteggiamento vocale caratterizzato da continui e repentini passaggi tra registro modale e falsetto), di country music o di repertori folkloristici in genere, dai cosiddetti ventriloqui per ottenere effetti comici e caricaturali, da alcuni tenori leggeri ad impostazione lirica per emettere note acute in "pianissimo" che risultano di difficile esecuzione in registro pieno e dai falsettisti nel repertorio rinascimentale e barocco.

I cosiddetti "controtenori" o falsettisti artificiali utilizzano un falsetto "rinforzato" ottenuto aggiungendo a tale meccanismo un abbassamento della scatola laringea che consente, tramite un incremento dei fenomeni armonici, l'emissione di un suono più ricco e rotondo nel quale sono tuttavia facilmente riconoscibili le caratteristiche del falsetto.

Qualora durante il ciclo vibratorio non vi fosse un contatto completo dei bordi cordali vi sarebbe fuga d'aria udibile no? Cioè voce velata e soffiata. Accade questo solo nel falsetto volutamente velato di alcuni generi moderni e si chiama "falsetto posturale" (analogo a quello del voicecraft per esempio) dove troviamo adduzione glottica ottenuta con estremo sollevamento laringeo, piano glottico innalzato anche posteriormente, interaritenoidei inattivi, assenza delle formanti superiori, presenza di rumore da fuga d’aria, timbro vocal tract povero.
Il falsetto muscolare, invece, prevede adduzione glottica ottenuta con la sola contrattura del muscolo cricotiroideo, interaritenoidei attivi, timbro più intenso e rotondo.

ultima modifica di admin

Re Minore, osservazioni

C'è l'errata convinzione che la voce in falsetto debba per forza essere un suono di testa.
Non è vero, perchè è possibilissimo effettuare la rotazione delle aritenoidi ( condizione che innesca il falsetto ) anche su note gravi le quali danno l'illusione di risuonare in petto ( voce di petto).
Anche se non si usa spesso cantare così ( Marilyn Monroe, comunque lo faceva, tanto per citarne una...) non significa che non sia possibile.
Questi dimostra che il falsetto non èassolutamente vincolato alla cosiddetta voce di testa, anche se può esserlo:

  • Nelle emissioni ariose acute il suono è in falsetto e di testa;
  • Nelle emissioni ariose gravi il suono è in falsetto e di petto .

Il falsetto è caratterizzato dal PIANO DELLE CORDE INCLINATO E DA MASSA RIGIDA.


Boh3mi4n, osservazioni:

Non che non sia possibile, effettuare note tipiche del registro modale in falsetto: è solo che, generalmente, si tratta di un registro la cui connessione con la voce piena (o l'utilizzo come registro scollegato, per scelta stilistica) avviene in ambiti tonali più acuti.


Made of Storm, osservazioni:

Alla fine esistono due meccanismi che agiscono sulle corde: quello aritenoideo e quello cricotiroideo. Il primo ha la capacità di mantenere una certa massa vibrante durante la fonazione (che corrisponde ad un suono più ricco), ma ha un range di azione limitato da quello che si chiama passaggio, il secondo ha la capacità di tirare le corde a discapito della massa vibrante. Il meccanismo cricotiroideo puro è il falsetto, ovvero una voce sbiancata al massimo prodotta dalla sola vibrazione del bordi delle corde. Tra la voce "aritenoidea" e il falsetto esistono una marea di configurazioni che sono date dal mix tra questi due meccanismi. Non è che il tuo corpo ha due interruttori tipo ARIT. ON/OFF, CRIC. ON/OFF in modo da permettere 4 configurazioni! Questi gruppi muscolari lavorano con continuità e producono molti effetti diversi! Ecco il punto.

Tutto questo pippone, però mi serve per sottolineare il concetto che la fonazione non è un insieme di mondi distinti cuciti insieme dai passaggi! E' un evolversi con continuità di un insieme di situazioni cordali intermedie.

Naturalmente tutto questo nella voce educata, con i passaggi smussati.
Se prendete Gino Pilotino (di corda tenorile) del piano di sotto e gli fate cantare una canzone, probabilmente sul "fa3" avvertirete un break vocale e il nostro simpatico amico finirà in falsetto, ovvero nella configurazione cordale cricotiroidea estrema dove a vibrare è solo il bordo libero.

Cigno, osservazioni:

Una interessante considerazione recentemente acquisita ad un convegno tenuto dal celebre Fussi qui a Genova: ha spiegato che in realta' non vi e' alcuna differenza tra falsetto e falsettone e sapete perchè? Perche' il termine falsettone e' stato erroneamente utilizzato dai primi foniatri che hanno studiato su trattati americani dove il falsetto veniva appunto chiamato ..."Falset Tone" (tono di falsetto)...di li il passo ad unire i due termini e' stato breve, coniando appunto il misterioso falsettone! Forte no?
Certo, il falsetto si puo' poi schiacciare e schiarire o rendere piu' ampio e scuro (come per tutta la gamma cantabile) ma rimane sempre falsetto ....o Falset Tone se preferite!!


Cigno, osservazioni:

In lirica, il falsetto e' visto un po' come il demonio nel senso che, a meno che non sia espressamente indicato dalla tradizione, non si usa mai.
Il primo esempio che mi viene in mente e' Figaro nelle Nozze: "se a caso madama la notte vi chiama DIN DIN DIN DIN....etc". Tali DIN sono tipicamente fatti in falsetto per assomigliare di piu' al suono del campanello ma a volte anche a "mezza-voce", alzando appena il laringe e alleggerendo con tecnica belcantistica.
E' appunto questa mezza voce che si contrappone piu' spesso al "in voce" nella lirica...anche quando, in prova, si accenna, difficilmente canto o sento cantare in falsetto...

DOMANDE & RISPOSTE:

Il falsetto è la voce di testa?

No: nel falsetto vibra solo il bordo libero delle corde, nella voce di testa la configurazione cordale è diversa (specificato in definizione).

La mezzavoce è sinonimo di falsetto?

No: la mezzavoce è voce piena, dinamica in piano e ad intensità volutamente limitata.
Nel falsetto, invece, vibra solo il bordo libero della corda.
In musica leggera viene usato come sinonimo, tuttavia un pò impropriamente.

Falsetto e falsettone sono la stessa cosa?

Quasi: nel secondo sono attuate operazioni di copertura tali da fare acquistare un certo volume, talvolta paragonabile alla voce piena ma in ogni caso la configurazione cordale è comunque quella del falsetto, più volte precisata.

Ti ringrazio, ho trovato tutto particolarmente interessante Very Happy

@angelo ha scritto in Falsetto: considerazioni:

Ti ringrazio, ho trovato tutto particolarmente interessante Very Happy

Di nulla. E' un regalino al forum che faccio, che vuole testimoniare la mia passione per l'argomento ed anche l'attaccamento al luogo telematico. E' un lavoro che ho condotto esclusivamente da solo, raccogliendo il materiale per me. In seguito ho deciso di condividerlo, pensando che così organizzato potesse essere d'aiuto a qualcuno.
Ci ho messo due settimane per mettere insieme tutto, correggere tutto. Ho letto praticamente 4 anni di forum, esclusa la caffetteria.
Però mi piace.

Grazie..un lavoretto con i fiocchi!!utilissimo!!

grazie mille per la spiegazione Smile
ma avrei una domanda...
io non ho una grandissima estensione e quindi ricorro spesso all'uso del falsetto...mi sono un pò penalizzata da questa cosa e quindi ne ho parlato con la mia insegnante che mi ha detto che l'uso del falsetto è una cosa normalissima e che non mi fa andare di gola e che ancora devo irrobustirlo...
ma io vi faccio la stessa domanda...
secondo voi l'uso di un falsetto può penalizzare un'esibizione?
ad esempio se in un brano di Antonella Ruggiero (es. Amore lontanissimo) faccio un uso smodato del falsetto, in una valutazione potrei essere penalizzata?

Interessante, proprio per i dubbi che avevo!
Quindi voce di testa non è falsetto. ok.
Ma qualè la voce di testa e il falsettone?
Si potrebbe postare qualche video di youtube dove si ascolta Voce di testa, falsettone e falsetto?
Sarebbe una cosa molto utile.

un'ottima spiegazione, grazie davvero, mi è stata molto utile poichè sono ancora una principiante! Very Happy

una domanda, spero pertinente Embarassed
tutti potenzialmente possiamo cantare in falsetto? magari sto usando termini sbagliati perchè non ho una buona teoria per quanto riguarda la tecnica, dunque correggetemi dove sbaglio. intendevo dire... tutti volendo possiamo cantare come Kate Bush in Wuthering Heights (tanto per citarne una)?

@violet ha scritto in Falsetto: considerazioni:

una domanda, spero pertinente Embarassed
tutti potenzialmente possiamo cantare in falsetto? magari sto usando termini sbagliati perchè non ho una buona teoria per quanto riguarda la tecnica, dunque correggetemi dove sbaglio. intendevo dire... tutti volendo possiamo cantare come Kate Bush in Wuthering Heights (tanto per citarne una)?

https://www.youtube.com/watch?v=Hv0azq9GF_g
Youtube video

Non mi sembra che canti in falsetto, almeno non completamente, ma in voce di testa.

Qui c'è un'altra che la canta.
https://www.youtube.com/watch?v=Hv0azq9GF_g
Youtube video
Anche qui mi sembra una via di mezzo tra voce di testa e falsetto. Ma più falsetto rispetto a Kate Bush. poi magari sbaglio..

eheheh ok grazie mille... sapevo che avrei toppato! Cool

innanzitutto GRAZIE a boh3mian per il lavoro di cesello.
davvero utile e chiarificatorio.

una domanda:io sono il tipico caso che nel momento della salita (quindi diciamo dal la-sib3 in su) scivola in quello che è più un falsetto che una voce di testa proprio perchè la massa cordale non è completamente in vibrazione.è natura e stop nel senso che ci sono persone che naturalmente fanno vibrare tutta la massa e persone che invece fanno vibrare solo il bordo libero o si può invece imparare?
forse il mio è un quesito sciocco, non me ne vogliate. Embarassed

grazie ancora per il vostro utilissimo supporto Wink

@ida ha scritto in Falsetto: considerazioni:

innanzitutto GRAZIE a boh3mian per il lavoro di cesello.
davvero utile e chiarificatorio.

una domanda:io sono il tipico caso che nel momento della salita (quindi diciamo dal la-sib3 in su) scivola in quello che è più un falsetto che una voce di testa proprio perchè la massa cordale non è completamente in vibrazione è natura e stop nel senso che ci sono persone che naturalmente fanno vibrare tutta la massa e persone che invece fanno vibrare solo il bordo libero o si può invece imparare?
forse il mio è un quesito sciocco, non me ne vogliate. Embarassed

grazie ancora per il vostro utilissimo supporto Wink

Si può certamente imparare, senza dubbio alcuno Smile

@falcon ha scritto in Falsetto: considerazioni:

Interessante, proprio per i dubbi che avevo!
Quindi voce di testa non è falsetto. ok.
Ma qualè la voce di testa e il falsettone?
Si potrebbe postare qualche video di youtube dove si ascolta Voce di testa, falsettone e falsetto?
Sarebbe una cosa molto utile.

Falsettone, min. 2,19- 2,27 (circa)

https://www.youtube.com/watch?v=PHIAFUyJgiM
Youtube video

In falsettone è anche qualsiasi cosa di William Matteuzzi (i leggeri contraltini in genere ne abusano) e gli acuti di Chris Merritt (lui un baritenore leggero, che accede all'acuto grazie al falsettone)

Voce di testa min. 2,23 - 2,27 (circa)

https://www.youtube.com/watch?v=PHIAFUyJgiM
Youtube video

Ancora Voce di testa

https://www.youtube.com/watch?v=PHIAFUyJgiM
Youtube video

Alla domanda: "Il falsettone è collegabile alla voce piena,senza break?", la risposta è un deciso "sì".
Vedere video di Trida, utente di questo forum, corda probabilmente baritonale "House of the rising sun", dove usufruisce di tale possibilità ottimamente.

@boh3mi4n ha scritto in Falsetto: considerazioni:

Si può certamente imparare, senza dubbio alcuno Smile

e, senza pretendere di fare canto per corrispondenza, ma sempre nell'ottica di un semplice scambio arricchente, esistono degli esercizi atti a far lavorare l'intera massa cordale anche dopo il fatidico passaggio in cui si tende a scivolare sul registro leggero? Rolling Eyes

wooow,molto utile....
Io sn un sopranista e so bene kome si usa il falsetto

Grazie, è stato utilissimo, un lavoro proprio ben fatto!
Ora so dare il giusto nome ai diversi tipi di falsetto! Very Happy

Siccome era stato chiesto come suona un falsettone...beh, ecco, dovrebbe suonare così!

E' una tecnica molto usata nell'ambito del Metal, dall'Heavy al Glam. Twisted Evil
Qui è portata all'esasperazione (32 secondi! Shocked ) e personalmente il resto della canzone non mi piace ma... ecco!

http://www.youtube.com/watch?v=cMKWOo0b22I

quello che io ora voglio dai maestri di canto di questo forum è: inserite un audio con un esempio di cantato in falsetto e uno di cantato in voce di testa!

semplice, credo...questo perchè sono assolutamente sicuro(converrete con me) che la voce di testa e il falsetto sono due cose DIVERSE, nella maniera piu assoluta...

ora, io sto imparando a cantare, sul serio...sto utilizzando corsi on-line, dato che attualmente le mie finanze non mi permettono la frequenzaa corsi veri e propri...

sto avendo notevolissimi miglioramenti..ora quando canto non ho bruciori di gola o abbassamenti di voce...e posso cantare per ore...

però il tallone d achille è questo maledetto passaggio sulla voce di testa che proprio non capisco...magari canto di testa ma non me ne accorgo..fatto sta che dovrei apprezzare la mia voce, ma quando arrivo su note alte la mia voce non è piu molto melodica..la sento tirata dalla gola...non avverto vibrazioni nel cranio...PERCHé????

  • 46
    Post
  • 26112
    Visualizzazioni