Buonasera Smile studio canto da novembre,un mesetto circa fa ho deciso di provare il lirico,quindi attualmente studio lirico anche se mi manca molto il moderno e credo riprenderò lo studio del moderno.La mia insegnante mi fa utilizzare i trilli con cui all'inizio ero molto in difficoltà ma ora sto migliorando.Il problema è che da qualche settimana avverto una strana tensione al collo e la zona del pomo di adamo etc.. è molto dura al tatto.Non ho mal di gola ma a volte quanto deglutisco non lo sento "naturale",inoltre questo fenomeno sembra aumentare dopo gli esercizi e il canto,non c'è dolore ma molta tensione.Premetto che io mi allenavo con i trilli per più di 5 minuti al giorno e la mia insegnante mi ha poi detto che era eccessivo.Io per ora continuo a cantare a casa e non sento di "sforzare la voce".Quello che mi preoccupa è il fatto che la zona dove c'è il pomo di adamo/tiroide sia abbastanza dura.Cosa potrebbe essere secondo voi?Dipende dalla tecnica?(Scusate il post lungo)

Bentornata, avendo letto qui diversi messaggi da diverse altre persone, che riferiscono un problema simile, credo mi dia elementi per accomunarli ad una sintomatologia ricorrente. È peraltro successo anche a me, ma dovrebbe essere assolutamente transitorio. Si tratta, secondo me, di tensione da sforzo muscolare, soprattutto nella zona dello ioideo e del digastrico, muscoli a cui è connessa lingua e laringe. Questi possono sforzarsi e contrarsi di più quando la laringe sale molto, soprattutto in modo non voluto o controllato. È però normale che salga nelle note acute, ma la brillantezza ovviamente non deve dipendere del tutto dalla laringe, sennò ci si ritrova troppo presto limite, in quanto la laringe non sale oltre tot e la voce può sbilanciarsi se lega troppo la laringe alla tonalità. Il twang è più adatto a valorozzare lo squillo na tutte le altezze, almeno dal passaggio in su, se è il colote che si vuole.
Che tipo di trilli esegui?

  • 2
    Post
  • 126
    Visualizzazioni