Voce sporca (vocal fry che si innesca) nel passaggio

Ciao a tutti, dopo mesi che seguo il forum da "estraneo" mi sono finalmente iscritto!
Sono un cantante di 20 anni (musica rock).
Nonostante io segua costantemente lezioni di canto, da qualche mese la mia voce sulle note medio-acute (penso nel cambio di registro) risulta difficile da controllare, a volte anche dopo solo pochi minuti di performance è già sporca, stimbrata e strozzata. Un tempo quando ero inesperto (ho dovuto seguire anche un ciclo logopedico per cattiva adduzione delle corde) avvertivo fastidio e dolore alla gola durante l'esecuzione ma anche dopo 1 ora di repertorio le note acute risultavano buone, magari con grande sforzo di emissione ma pulite; adesso nessun mal di gola, reggo bene un concerto ma se provo una nota acuta lunga a fine concerto risulta incostante, addirittura si sdoppia, come se sotto la nota si innescasse il VOCAL FRY. Anche nel passaggio tra falsetto e fischio, mentre prima non avevo nessun problema, adesso è come se ci fosse qualcosa che bloccasse l'uscita del fischio, mi si blocca al passaggio come se non potessi andare oltre.
Inoltre lamento da quando ho questo fastidioso problema mi ritrovo anche una voce diversa, più nasale, come se non fosse libera.

Sono stato più volte dal foniatra che da ormai 3 mesi a oggi ha trovato un pò di catarro sulle corde vocali, che ha attribuito prima al reflusso, poi ad una lieve allergia ai pollini e graminacee, che secondo lui è la causa di tutto.
Sono già 14 giorni che prendo un antistaminico che mi ha prescritto ma non avverto nessun miglioramento, anzi durezza delle corde e secchezza vocale che un pò mi spaventa per un imminente tour che mi aspetta. Mi consigliate di continuare il ciclo di 20 compresse anche se non mi sta dando alcun effetto?
La logopedista che mi aveva seguito un anno fa (per un problema di adduzione delle corde) sentendomi cantare ed evidenziando come punto debole il fiato mi ha chiesto se avevo mai avuto asma, ma ero sicuro di non aver mai avuto attacchi d'asma prima d'ora.
Mi chiedo adesso se il mio non possa essere un problema di "asma da sforzo". è possibile? come potrei diagnosticarlo?
le altre alternative che mi vengono in mente sono il reflusso (che però il foniatra aveva escluso guardandomi le corde che nel mio caso fosse così grave) oppure le mie frequenti tonsilliti, anche se questi problemi ce l'ho anche quando sto bene con le tonsille (è una pura ipotesi, non so se può c'entrare qualcosa. l'anno scorso ho avuto 3 infezioni, da gennaio già 2.)
Vi ringrazio in anticipo

Da ciò che lamenti è possibile che vi sia un edema cordale, che può vedere la sua causa in differenti fattori (tra cui anche il reflusso).
Dubito possa trattarsi di un asma: i sintomi che riferisci vanno ricercati osservando con attenzione le corde vocali (diplofonia nei tenuti, problemi nel passaggio) e la qualità dell'adduzione.

Se il problema non si è ancora risolto (mi scuso per il ritardo nella risposta) ti suggerisco di rifare una visita.

Un carissimo saluto.

@stefano-brambilla ha scritto in Voce sporca (vocal fry che si innesca) nel passaggio:

Da ciò che lamenti è possibile che vi sia un edema cordale, che può vedere la sua causa in differenti fattori (tra cui anche il reflusso).
Dubito possa trattarsi di un asma: i sintomi che riferisci vanno ricercati osservando con attenzione le corde vocali (diplofonia nei tenuti, problemi nel passaggio) e la qualità dell'adduzione.

Se il problema non si è ancora risolto (mi scuso per il ritardo nella risposta) ti suggerisco di rifare una visita.

Un carissimo saluto.

La ringrazio molto Dott.Brambilla per la sua risposta.

Ancora non ho risolto del tutto il problema, ho notato che con una maggiore attenzione alla respirazione la cosa è migliorata ma non del tutto. Il problema è che tutte le volte che sono andato dal foniatra mi ha chiesto solo di fare una I in una nota lunga per me nè alta nè bassa o addirittura bassa che sono note dove io non ho alcun problema. Non dovrebbe comunque vederlo se c'è un edema? Dovrei chiedergli esplicitamente di farmi provare acuti?
grazie per l'attenzione

ciao moufin, mi permetto di darti un consiglio su questo tuo problema.
Ovviamente non per contraddire il parere del dottore, ma solo perchè ho avuto un problema simile anni fa quando studiavo.
Le sporcature come il fry, sono date da una mancanza di sostegno. L'insegnante all'epoca mi aiutò a sostenere maggiormente con gli intercostali e le sporcature sparirono.
Ovviamente non so se questo è il tuo problema, ma potresti provare a cantare quelle note sporche allargando per esempio improvvisamente le braccia, o meglio ancora alzandole in alto come se ti fossi appeso a qualcosa e cercare di allargare maggiormene il torace durante l'emissione.
Saluti

Ciao, anche io avevo e ho tutt'ora questo problema.
A giorni, ma comunque di base quasi sempre, non appena vado a tirare le corde, appena sfumo in misto, che a seconda del volume può essere ovunque il passaggio avverto questo difetto, una frittura fortissima come se le corde fossero improvvisamente diventate di metallo e scattassero anzichè fluidamente vibrare, la sensazione è come se il mio apparato fonatorio fosse quello di un'altra persona e io nn so più come controllarlo e per correggerlo devo durare fatica e a volte non si toglie con nessun riscaldamento, esercizio o altro.
Io ho portato per 8 anni un busto ortopedico e la mia respirazione è si compromessa e compressa, ci sto lavorando anche su questo. Insieme alla mia insegnante facciamo fondamentalmente tre tipi di lavori.
Di radicamento ovvero di contatto con la terra per rilasciare il respiro,
esercizi di bioenergetica, meditazione con la voce quindi usando tutto il corpo per rilasciare la voce (tipo come dice sopra di me roccoamerica ma non solo aprire le braccia proprio lanciare, scagliare, saltare, fare qualcosa in modo tale da poter delegare al rinculo del movimento il sostegno vocale) e infine un percorso psicologico per accettare quello che per me era un grandissimo difetto e ad oggi invece è fondamentalmente una mia caratteristica a giorni o a momenti più evidente. Certo ho fatto anche tante visite ma reflusso o non reflusso il problema rimane e difetti fisici non sono apparsi.

Così cn infinite difficoltà ho imparato però piano piano ad accettarlo sempre di più...e la mia fobia che non piacesse alla gente sta andando in fumo...
https://www.facebook.com/NathanDrake94/videos/vb.1648665645/10203611682046475/?type=3&theater

Questa invece è la mia voce pulita.
https://www.facebook.com/NathanDrake94/videos/vb.1648665645/10205507189472976/?type=3&theater

Ripeto nn è facile controllare questa cosa ma quando sento di averla canto qualcosa dove sta bene che ci sia oppure cambio le canzoni per farcela entrare...
https://www.facebook.com/NathanDrake94/videos/vb.1648665645/10205904279879988/?type=3&theater

Qualcosa che mi aiuta cmq a ridurlo è per qualche minuto radicarmi e dopo aver respirato profondamente in maniera particolare ( a gola aperta e sostegno diaframmatico 2 secondi di pausa, inspiro mollando l'addome passivamente, 2 secondi di pausa, espirazione lunghissima) Nell'espirazione immagino e solo immagino di cantare quella nota articolando e aprendo la bocca ma facendo uscire solo aria sentendola dentro la mia testa uscire pulita e cristallina... se questo non riesce, se non mi riesce immaginarmela pulita in quel momento allora immagino che appena apro la bocca arriva il suono pulito di uno strumento musicale nel mio caso il pianoforte mi aiuta molto.

Prova inoltre per un po' come "terapia psicologica" a cantare canzoni divertenti... dove quello che fai timbricamente non è importante o cmq puoi nn dargli importanza...il metal nn è il mio genere io sono principalmente pop ma per me è assai molto più liberatorio sotto questo punto di vista il metal (che graffi o no è sempre bello e tutti accettano tutto e quindi non duro fatica) inoltre ci sn tantissimi compromessi fra pop e metal penso ai breaking benjamin che mi fanno morire o ai dead by apryl ...

  • 5
    Post
  • 2052
    Visualizzazioni