@citazione in Vocal Care:

Il vocal care è un sistema di ricerca vocale che nasce dallo studio approfondito delle straordinarie capacità dell’organo fonatorio,dall’esperienza della pratica sul campo e da diverse esperienze provenienti da altre disipline come la pratica logopedica, la R.P.G.( rieducazione posturale globale di Suchard),la bioenergetica,la medicina olistica..
La metodologia è rivolta a tutti coloro che fanno della propria voce uno strumento di comunicazione espressiva e di lavoro ed a coloro che desiderano scoprire le potenzialità effettive della voce raggiungendone la piena consapevolezza nell’assoluto rispetto dell’originalità del proprio timbro.
Il vocal care infatti non ingabbia la vocalità con una ‘‘impostazione’ma consente di sviluppare la propria emissione con estrema naturalezza ed ergonomicità con una equazione di minimo sforzo e massimo rendimento per la prevenzione e la cura dell’insorgenza di patologie e prepara inoltre ad affrontare i diversi stili musicali senza vizi estetici e di forma.
E’ paricolarmente ricercato dai più famosi vocalisti di jazz ,pop e musical,doppiatori e presta voce per spot pubblicitari per la particolarità di regalare al proprio sound grande intonazione, dinamica ,autonomia e soprattutto UNIFORMITA’ TIMBRICA,Sostanzialmente si basa su un sistema innovativo ed all’avanguardia che permette di ‘mistare’ perfettamente sonorità di petto e di testa come oramai esige la vocalità degli anni duemila.
Il vocal care non prescinde da una conoscenza musicale professionale che contribuisce alla esaltazione della nuova figura del cantante-musicista.
L’allenamento è estremamente personalizzato per l’ottimizzazione del risultato in termini di tempo relativamente brevi: il lavoro di propiocezione è tale da consentire l’applicazione delle esercitazioni di mantenimento velocemente ed autonomamente anche dagli artisti che svolgono impegni pressanti e lontano da casa.
Grazie al contributo della PNL (Programmazione Neuro Linguistica) e dell’Ipnosi Ericksoniana, è possibile inoltre un eventuale lavoro su convinzioni limitanti o problematiche emozionali tali da impedire il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Mediante tecniche particolari e l’aiuto di un Trainer è possibile lavorare in gruppo o individualmente sulle problematiche che possono “bloccare” emotivamente la scoperta della propria Autenticità timbrica ,il perseguire una congruenza espressiva della propria voce, o altre problematiche, parallelamente al lavoro tecnico vero e proprio.

La scorsa settimana ho assistito ad una lezione di questo metodo e ho chiaccherato con un allieva di Danila Satragno che ha appunto collaudato il metodo con l'aiuto del Dott. Fussi. Questa ragazza è laureata al DAMS e il relatore della sua Tesi è stato lo stesso Fussi. Mi ha spiegato che il Belting non è una tecnica pericolosa ma non bisogna abusarne ed è una modalità di canto che si propone per lo più verso le ragazze dal momento che i ragazzi cantano gia sul registro di petto. Sono rimasto molto colpito perchè gli insegnamenti sono simili alla lirica nel senso che gli obbiettivi sono gli stessi ma cambia la prassi esecutiva e il repertorio. Quindi questo dimostra che un vero cantante di musica leggera dovrebbe studiare con gente competente e non con chi canta nei piano bar! Voi che ne pensate? Avete mai sentito parlare del Vocal Care? Qualcuno di voi lo pratica?

@orpheus ha scritto in Vocal Care:

Quindi questo dimostra che un vero cantante di musica leggera dovrebbe studiare con gente competente e non con chi canta nei piano bar! Voi che ne pensate? Avete mai sentito parlare del Vocal Care? Qualcuno di voi lo pratica?

Mai pensato neppure lontanamente che si possa studiare con gente incompetente....pianobaristi , moderni o lirici che siano...

La competenza non dipende dallo stile che qualcuno ha affrontato, ma dalla conoscenza del canto in sè o rappotato ,magari,ad uno o più stili...
Oltre alla competenza occorre anche un'attitudine all'insegnamento e un metodo d'insegnamento che sia efficace..

Insomma: l'incompetenza non ha confini stilistici e non è neppure suficiente da sola per fare di un buon cantante un insegnante.

In merito al vocal care, non avevo mai sentito nulla...spero tu o altri possiate portare notizie in modo da poterci megli informare su un approccio che parrebbe poggiare le proprie basi su elementi interessanti.

  • 2
    Post
  • 2136
    Visualizzazioni