Graffiare come Christina Aguilera.

E' una malattia oramai per me. Ho quasi 17 anni e studio canto da Novembre 2010, faccio una lezione collettiva (cinque persone) una volta a settimana per un'ora e mezza.
Essendo una ragazza amante del metal e rock e sottogeneri, vorrei imparare a graffiare sulle canzoni, per dare quel tocco di grinta in più. Sono mezzo soprano a detta della mia insegnante.
Mi piace la mia voce, solo che la trovo troppo.. Smorta.
Come posso fare ad imparare a graffiare? Non c'è un metodo? Si parla tanto di costrizione delle corde false, ma è decisamente difficile, specie per una pivella come me.
Possibile che non ci sia proprio un metodo? Ci sto morendo dietro a cercare di imparare.
Grazie mille a coloro che mi risponderanno seriamente.

ciaoo!! Io non posso aiutarti però ho sentito dire che graffiare fa male... ora credo che dipenda anche da quante volte lo fai xD! Ah vorrei anche dirti che spesse volte "graffiando" risulti solo patetica! Non che tu lo sia, anzi! Credo che si possa dare carattere ad una canzone semplicemente eseguendola in maniera corretta e mettendoci un po' di polverina magica chiamata emotività! Credo che il graffiato arriverà con il tempo, per ora cerca solo di fare quello che fai correttamente Smile! anche io sono alle prime armi, cerco sempre di fare il passo più lungo della gamba e a volte risulto patetico XS! Dai tempo al tempo e non ti demoralizzare se senti le tue canzoni un po "smorte"... agli inizi è più che normale!

ultimamente riesco a graffiare senza affaticarmi e senza sentire fastidi, le prime volte che mi capitava di graffiare era perchè "grattavo", invece di graffiare... insomma, graffiare è voluto, grattare no...

mi capitava in caso di stanchezza vocale...

secondo me verrà col tempo, dopo aver acquisito cosa fondamentali come l'appoggio e la pulizia.

mi permetto di darti anche un consiglio: se riesci a trovare la possibilità di fare lezioni di canto individuali, sono certo che progredirai molto più rapidamente... ma taaaanto più rapidamente... sono abbastanza contrario alle lezioni collettive...

alla tua età avevo la stessa fissa, figurati, ero fanatica di hard rock e mi ritrovavo con una voce pulita e squillante, ero così fissata che cominciai a fumare solo e soltanto per farmi la voce più "roca" Shocked
Nella mia totale incoscienza cominciai a grattare come una dannata fregandomene dei danni che avrei potuto causare. A me è andata bene perchè a furia di tentativi trovai la strada giusta, ho 40'anni e non ho mai avuto problemi pur avendo alle spalle centinaia di concerti, prove, registrazioni in studio, tengo le mie due ore di live senza problemi ed ho ancora voce per giorno dopo. Purtroppo non ho mai saputo spiegare quale tecnica uso e nemmeno un insegnate di canto ne è mai venuto a capo. Io posso solo dirti che quando graffi non devi essere una donzella spaventata ma una leonessa che difende la propria prole, molto spesso sento queste voci che mi ricordano lo stridere di cerniere arrugginite, beh, queste son sicuramente le voci che si romperanno.
Comunque per me sono state un'ottima palestra le canzoni di Linda Perry (4 non blondes), ti consiglio di scaricarti qualche video e osservarla bene quando canta, sembra un po' pazza ma è così che bisogna essere in questi casi, un po' pazze ed incoscienti Wink

@hexylene ha scritto in Graffiare come Christina Aguilera.:

E' una malattia oramai per me. Ho quasi 17 anni e studio canto da Novembre 2010, faccio una lezione collettiva (cinque persone) una volta a settimana per un'ora e mezza.
Essendo una ragazza amante del metal e rock e sottogeneri, vorrei imparare a graffiare sulle canzoni, per dare quel tocco di grinta in più. Sono mezzo soprano a detta della mia insegnante.
Mi piace la mia voce, solo che la trovo troppo.. Smorta.
Come posso fare ad imparare a graffiare? Non c'è un metodo? Si parla tanto di costrizione delle corde false, ma è decisamente difficile, specie per una pivella come me.
Possibile che non ci sia proprio un metodo? Ci sto morendo dietro a cercare di imparare.
Grazie mille a coloro che mi risponderanno seriamente.

Se ti senti la voce piatta probabilmenteè solo perchè ancora non hai il controllo sull'emissione. Ci sono tante "piccole cose" da imparare prima di poter cantare anche solo decentemente Smile
Ad esempio controllando l'emissione quando comincia la nota, dovrebbe essere chiaro e deciso senza "aggredire". Oppure controllando lo stacco a fine frase, che non sia lamentoso, tenere bene la nota senza sfiatare, appoggiare correttamente e interrompere l'emissione al punto giusto.
Stai a ritmo, emetti ogni nota con la stessa intensità e per tutta la durata, proietta la voce in avanti e, consiglio mio personale, cerca di rendere all'inizio le cose il più semplici possibili, così hai meno "carne sul fuoco" e ti concentri meglio Smile
Sono tutte piccole cose che si tendono a ignorare all'inizio, ma se ignorate possono rendere la tua canzone piatta, lamentosa e senza "emozioni".
Non so esattamente quello che intendi tu (e non sono un insegnante quindi il consiglio più grande è di rivolgerti al tuo insegnante), ti ho solo ripetutto quello che mi sento dire continuamente Laughing spero di essere stata utile.

Ciao!
Ammetto che è un po' il mio stesso dilemma.
Sono anni che canto e ascolto rock o metal e mi piacerebbe tanto imparare ad avere un po' di sporco.
Ti posso dire che quando faccio i concerti a volte sporco senza accorgermene semplicemente interpretando e lasciandomi andare.

Io credo che la maggiorparte dei cantanti non abbiano una tecnica ben precisa per sporcare.
Esiste chi lo fa da una vita senza mai rendersene conto, abitudini che a volte ci si porta dietro dall'infanzia.
Ma dubito che persone come James Hetfield che con il graffiato hanno fatto storia possano stare lì a spiegarti come fanno a ottenere quel suono.

Ti consiglio solo di non imitare nessuno, perchè ognuno ha la sua voce e il suo modo di sporcare.
Sinceramente io non so nulla sui rischi che si corrono usando queste pratiche vocali.
Ma ti posso dire che qualsiasi cosa innaturale tu faccia con la tua voce provoca sforzo, e lo sforzo è deleterio.
Mentre se non c'è sforzo per quel che mi riguarda uno può stare tranquillo.
D'altronde esistono persono che riescono a sporcare senza sforzarsi.
Poi chissà a lungo andare quali sono i rischi.
Ma io dico che con un po' di testa si può fare tutto.

Ciao!
Prima Dario citava Hetfield e poi diceva di non imitare...beh io imparai a graffiare praticamente sentendo lui,nel senso che mi ritrovai ad avere a 14-15 anni un timbro molto simile al suo nei medi e non so come iniziai a cantare come lui e ci riuscii da subito(anche se ai tempi non avevo idea di NIENTE XD)
certo imitare e basta è sbagliato,ma cercare di capire una determinata tecnica ascoltando il suono di una voce in maniera intelligente può essere una cosa ottima...pensa che ho capito come non spingere il modale sugli acuti e passare in mista ascoltando michael kiske,dopo che a lezione per mesi e mesi mi avevano solo fatto sbagliare xD

Comunque riguardo il come apprenderlo,il mio ex maestro mi diceva che lui ha imparato a farlo usando questo metodo che gli aveva detto a sua volta il suo maestro..diceva che iniziando piano piano a mettere il fiato su un sospiro roco senza nota e a bocca chiusa si acquisisce consapevolezza del come usare le false corde e quindi poi emettendo un suono e concentrandosi nel fare la stessa cosa si riuscirà a emettere un suono graffiato...

Personalmente non ho mai sperimentato questa cosa perchè a parte certi acuti che riesco a prendere solo puliti,riesco da solo a graffiare senza troppi problemi,nonostante di certo la sua tecnica sia molto più raffinata e controllata(riesce a graffiare su tutta l'estensione allo stesso modo)
L'effetto è questo
http://www.youtube.com/watch?v=VY-NV5vi9EQ

La aguilera penso proprio usi questo meccanismo qui,il suono è proprio quello secondo me,solo che giustamente essendo un altro genere lo allegerisce e lo usa meno sui suoi pezzi rispetto a come lo può usare un cantante metal...
http://www.youtube.com/watch?v=g4UIC56YmXE&feature=related
forse questa potrebbe esserti più utile come modello Rolling Eyes

@dades ha scritto in Graffiare come Christina Aguilera.:

Ciao!
Prima Dario citava Hetfield e poi diceva di non imitare...beh io imparai a graffiare praticamente sentendo lui,nel senso che mi ritrovai ad avere a 14-15 anni un timbro molto simile al suo nei medi e non so come iniziai a cantare come lui e ci riuscii da subito(anche se ai tempi non avevo idea di NIENTE XD)
certo imitare e basta è sbagliato,ma cercare di capire una determinata tecnica ascoltando il suono di una voce in maniera intelligente può essere una cosa ottima...pensa che ho capito come non spingere il modale sugli acuti e passare in mista ascoltando michael kiske,dopo che a lezione per mesi e mesi mi avevano solo fatto sbagliare xD

Comunque riguardo il come apprenderlo,il mio ex maestro mi diceva che lui ha imparato a farlo usando questo metodo che gli aveva detto a sua volta il suo maestro..diceva che iniziando piano piano a mettere il fiato su un sospiro roco senza nota e a bocca chiusa si acquisisce consapevolezza del come usare le false corde e quindi poi emettendo un suono e concentrandosi nel fare la stessa cosa si riuscirà a emettere un suono graffiato...

Personalmente non ho mai sperimentato questa cosa perchè a parte certi acuti che riesco a prendere solo puliti,riesco da solo a graffiare senza troppi problemi,nonostante di certo la sua tecnica sia molto più raffinata e controllata(riesce a graffiare su tutta l'estensione allo stesso modo)
L'effetto è questo
http://www.youtube.com/watch?v=VY-NV5vi9EQ

La aguilera penso proprio usi questo meccanismo qui,il suono è proprio quello secondo me,solo che giustamente essendo un altro genere lo allegerisce e lo usa meno sui suoi pezzi rispetto a come lo può usare un cantante metal...
http://www.youtube.com/watch?v=g4UIC56YmXE&feature=related
forse questa potrebbe esserti più utile come modello Rolling Eyes

Ciao Dades!
Innanzitutto ti ringrazio di avermi risposto.
Si effettivamente hai proprio ragione, preferirei un graffiato più come in All We Are.
Sperimenterò l'esercizio, oggi chiederò anche alla mia insegnante se si può fare qualcosa.
Un bacio (:

Io, come sempre, sconsiglio di fare tutto ciò che non sia più che naturale...

Se ti senti troppo smorta in una canzone, prova conl'interpretazione e la "tetralità".

Moltissimi cantanti (due su tutti nel rock... Plant e Bach) hanno voci roche perchè rovinatesi nel tempo.

Con tutto il rispetto dovuto, non proprio esempi da imitare.

Però Alex,come dissi anche tempo fa in un altro topic,ci sono pezzi che se non li graffi fanno ridere...
A quel punto meglio non cantarli,però insomma accontentarsi è brutto soprattutto quando si ha tutto da scoprire xD

E non parlo di plant o bach che comunque sono fattibili in pulito...parlo di gente tipo rob halford o james hetfield o brian jhonson,per non parlare di qualunque genere più extreme...

Purtroppo se si vuole cantare questa roba è necessario saper graffiare e ti posso assicurare che si impara,come lo imparano a teatro d'altronde

quoto Dades e lo ringrazio d'aver linkato i Warlock: quasi quasi sentivo il grattare della puntina sull'lp Very Happy

Scusate l'ignoranza: ma mentre nei link di Dades si sente la "graffiatura", nelle canzoni della Aguilera mi sembra di sentire solo una vena metallica, quasi come se fosse un effetto. E lo fa anche nel parlato. Si tratta ancora di "graffiato"?

secondo me ancora è troppo presto.
Fai lezioni da qualche mese e pergiunta collettive, e già vuoi andare sul graffiato.
Il graffiato se non è eseguito bene, e soprattutto se non hai ancora percepito bene l'appoggio, la respirazione e la pulizia del suono può portare solo problemi.

Io sono sempre stata contro alle lezioni collettive, da insegnante, perchè faccio lezioni che si adattano all'alunno individualmente, secondo le sue esigenze, non seguo un iter per tutti. Quindi con 5 persone ovviamente avrei 5 singole differenze che non si possono lavorare in una singola lezione!
Poi c'è chi capisce subito, chi no.

Quindi, prima di tutto prova a trovarti un'insegnante solo per te, che ti insegnerà quello che devi imparare, eppoi una volta che prenderai dimestichezza con il tuo strumento vocale potrai pensare di arricchirlo di sfaccettature.

Quello che voglio dire è che il canto non è una sciocchezza come molti pensano. Non si è cantanti professionisti solo perchè si emette un bel suono con acuti formidabili.
Perchè inizialmente può essere un bel suono ma se è emesso tutto in gola con le corde false costrette a lungo andare si possono salutare le corde vocali, e lì c'è veramente da ridere!

Sembra più facile di un altro strumento ma non lo è.
Non puoi chiedere ad un pianista che ha iniziato le lezioni a novembre 2010 di fare pezzi di Mozart o di Allievi...
Lo stesso non puoi chiedere a te stessa che prendi lezioni collettive da poco di graffiare la voce se magari ancora non hai chiaro l'appoggio, la pulizia della voce, la retrazione e tutto il resto.

A volte l'andare più piano aiuta.

spero di essere stata esaustiva, anche se ho notato che chi ti ha dato i miei stessi consigli non te lo sei nemmeno filato.

Ciao RaF*

La penso come Raffaella, come si fa a fare lezioni collettive? I vari vocalizzi ecc...non sono standardizzati per tutti, ognuno di noi è fatto in maniera diversa con livello di apprendimento divero, si rischia di fare solo confusione e non capirci niente...

@raffaella75 ha scritto in Graffiare come Christina Aguilera.:

secondo me ancora è troppo presto.
Fai lezioni da qualche mese e pergiunta collettive, e già vuoi andare sul graffiato.
Il graffiato se non è eseguito bene, e soprattutto se non hai ancora percepito bene l'appoggio, la respirazione e la pulizia del suono può portare solo problemi.

Io sono sempre stata contro alle lezioni collettive, da insegnante, perchè faccio lezioni che si adattano all'alunno individualmente, secondo le sue esigenze, non seguo un iter per tutti. Quindi con 5 persone ovviamente avrei 5 singole differenze che non si possono lavorare in una singola lezione!
Poi c'è chi capisce subito, chi no.

Quindi, prima di tutto prova a trovarti un'insegnante solo per te, che ti insegnerà quello che devi imparare, eppoi una volta che prenderai dimestichezza con il tuo strumento vocale potrai pensare di arricchirlo di sfaccettature.

Quello che voglio dire è che il canto non è una sciocchezza come molti pensano. Non si è cantanti professionisti solo perchè si emette un bel suono con acuti formidabili.
Perchè inizialmente può essere un bel suono ma se è emesso tutto in gola con le corde false costrette a lungo andare si possono salutare le corde vocali, e lì c'è veramente da ridere!

Sembra più facile di un altro strumento ma non lo è.
Non puoi chiedere ad un pianista che ha iniziato le lezioni a novembre 2010 di fare pezzi di Mozart o di Allievi...
Lo stesso non puoi chiedere a te stessa che prendi lezioni collettive da poco di graffiare la voce se magari ancora non hai chiaro l'appoggio, la pulizia della voce, la retrazione e tutto il resto.

A volte l'andare più piano aiuta.

spero di essere stata esaustiva, anche se ho notato che chi ti ha dato i miei stessi consigli non te lo sei nemmeno filato.

Ciao RaF*

Ciao Raffaella
Hai perfettamente ragione, non me li sono filati come dici tu perchè queste cose le so già. Purtroppo sono un'inguaribile testa di cavolo, impaziente e tutto, e so perfettamente che questo mi frega.
Ti spiego subito il perchè abbia cominciato a prendere lezioni in collettivo: sono timida nel buttare fuori la voce (come quasi tutti i novelli-cantanti d'altro canto) e ho pensato che per cominciare sarebbe stata una buona cosa per uscire dal mio guscio, piano piano.
Ormai continuo così, anche perchè di insegnanti che facciano lezioni individuali io non ne ho trovati.
So benissimo che il canto non è una sciocchezza, anzi. Molti si dilettano a cantare perchè pensano che sia un qualcosa di una facilità fantascientifica, torto marcio e stramarcio.
Capita spesso che io mi abbatta il 90% delle volte in cui vado a lezione, perchè sono ancora chiusa vocalmente e mi deprimo. Ma recupero sempre la voglia, altrimenti se lascio perdere non imparerò mai.
Sto sempre molto attenta all'appoggio, alla retrazione delle corde false prima di cantare. Controllo che sia sempre tutto apposto, sono decisamente pignola in questo campo.
Desidero che la mia voce sia al massimo e ci riuscirò.

@hexylene ha scritto in Graffiare come Christina Aguilera.:

Ciao Raffaella
Hai perfettamente ragione, non me li sono filati come dici tu perchè queste cose le so già. Purtroppo sono un'inguaribile testa di cavolo, impaziente e tutto, e so perfettamente che questo mi frega.
Ti spiego subito il perchè abbia cominciato a prendere lezioni in collettivo: sono timida nel buttare fuori la voce (come quasi tutti i novelli-cantanti d'altro canto) e ho pensato che per cominciare sarebbe stata una buona cosa per uscire dal mio guscio, piano piano.
Ormai continuo così, anche perchè di insegnanti che facciano lezioni individuali io non ne ho trovati.
So benissimo che il canto non è una sciocchezza, anzi. Molti si dilettano a cantare perchè pensano che sia un qualcosa di una facilità fantascientifica, torto marcio e stramarcio.
Capita spesso che io mi abbatta il 90% delle volte in cui vado a lezione, perchè sono ancora chiusa vocalmente e mi deprimo. Ma recupero sempre la voglia, altrimenti se lascio perdere non imparerò mai.
Sto sempre molto attenta all'appoggio, alla retrazione delle corde false prima di cantare. Controllo che sia sempre tutto apposto, sono decisamente pignola in questo campo.
Desidero che la mia voce sia al massimo e ci riuscirò.

Ottimo, sono felice che mi hai dato questa risposta.

E ti dico un'altra cosa, vedrai che la timidezza del cantare non è una cosa anomala, sto lottando con un paio di alunni che potrebbero avere mille potenzialità ma appena arrivano ad una parte che li terrorizza ecco che chiudono tutto!
Quindi è una cosa che spesso capita, non ti ritenere unica e rara, c'è chi ha più coraggio chi invece ha più timore a mettere alla prova la propria passione.
Continua se vuoi a fare lezione collettive ma mettiti alla ricerca di qualcuno che possa darti lezioni individuali.
Vedrai che troverai un insegnante dalle tue parti, e se è un bravo insegnante nell'ora di lezione riuscirà a farti sentire così a tuo agio a tal punto da tirare fuori tutta la tua potenzialità-
L'importante è che tu capisca che fare le cose piano piano è meglio di farle di corsa.

in bocca al lupo, di cuore!

Raffaella mi voglio agganciare a cio' che hai scritto sul fatto che hai un paio di alunni che per paura quando cantano in pubblico chiudono invece di aprire, io sono una persona abbastanza emotiva, anche se non sembra, mi capita una cosa strana, non è tanto la paura del pubblico, ossia cerchero' di essere più concisa. Il pubblico si mi spaventa in primis forse più l'attesa perchè poi quando sono sul palco mi sciolgo e riesco a tirare fuori una voce molto piena (malgrado io sia un lirico leggero), con la mia insegnante abbiamo capito che quindi mi succede il contrario la paura mi fa aprire i suoni, (anche se ancora ne ho di strada da fare), e un'altra cosa a lezione non riesco a tirarla tutta per il semplice fatto che io mi vergogno della mia voce, ma non perchè è brutta ma perchè è abbastanza grossa e mi spaventa, io ho sempre cantato con voce più chiara e piccolina ora mi scopro avere una grossa quantita' di voce che pensavo non avere e perdipiù anche molto acuta...questo è quello che è emerso....hai mai avuto a lezione soggetti che presentano il mio stesso "problema"...che poi alla fine problema non è ma la mia psiche dice il contrario. Non so se sono riuscita ad essere chiara, ciao.

@luna75 ha scritto in Graffiare come Christina Aguilera.:

Raffaella mi voglio agganciare a cio' che hai scritto sul fatto che hai un paio di alunni che per paura quando cantano in pubblico chiudono invece di aprire, io sono una persona abbastanza emotiva, anche se non sembra, mi capita una cosa strana, non è tanto la paura del pubblico, ossia cerchero' di essere più concisa. Il pubblico si mi spaventa in primis forse più l'attesa perchè poi quando sono sul palco mi sciolgo e riesco a tirare fuori una voce molto piena (malgrado io sia un lirico leggero), con la mia insegnante abbiamo capito che quindi mi succede il contrario la paura mi fa aprire i suoni, (anche se ancora ne ho di strada da fare), e un'altra cosa a lezione non riesco a tirarla tutta per il semplice fatto che io mi vergogno della mia voce, ma non perchè è brutta ma perchè è abbastanza grossa e mi spaventa, io ho sempre cantato con voce più chiara e piccolina ora mi scopro avere una grossa quantita' di voce che pensavo non avere e perdipiù anche molto acuta...questo è quello che è emerso....hai mai avuto a lezione soggetti che presentano il mio stesso "problema"...che poi alla fine problema non è ma la mia psiche dice il contrario. Non so se sono riuscita ad essere chiara, ciao.

Ciao Luna,
ti sei risposta da sola il problema è la psiche.
E guarda, te lo dico per esperienza, questi tipi di timore soprattutto se l'alunno non li accetta sono più difficili da togliere.
Ne ho uno di 18 anni, che non solo ha paura di cantare in pubblico lui proprio si chiude, e quando gli dico di rilassarsi mi nega qualsiasi tipo di cosa. Quando gli chiedo se riesce a spiegarmi cosa lo blocca, se ha timore di qualcosa, mi risponde impettito "io? non ho paura"
E' una cosa lenta e di grande pazienza. E dopo un paio di mesi tra esercizi e altro sono riuscita almento a fargli fare gli esercizi senza bloccarsi raggiungendo tutta la sua estensione. Prima bastava che salissi sulla tastiera per i vocalizzi e si chiudeva, ora fa i vocalizzi per tutta la sua estensione! Grande vittoria!
Purtroppo però quando canta, lui sapendo a prescindere il punto che teme di più eccolo lì che si blocca. E' proprio un blocco, perchè magari in altri punti della stessa canzone ci sono note molto più acute, ma le fa tranquillamente, poi invece arriva a quell'altro punto lì... e zac si blocca! Se non è psiche questa non so quale altro possa essere!
Ecco perchè spesso dico che faccio lezioni diverse per ogni alunno che ho di fronte. Io sto facendo molto per lui, quando torno a casa cerco di informarmi e capire come farlo a rilassare e ad avere fiducia in se stesso, è un lavoro lungo e paziente.

Quando si tratta della nostra mente ci vuole tanta pazienza.
Tu hai già un punto in più rispetto a lui, perchè dopo aver provato la paura prendi e davanti ad un pubblico ti apri. Meglio così, lì scatta il meccanismo "ma sti cavoli la paura devo dare il meglio di me!".

Per quanto riguarda la paura che hai della tua voce, ascoltati e registrati, ascoltati e registrati. E fatti aiutare dalla tua insegnante. Gli insegnanti sono una sorta di psicologi alla fin fine!!

Purtroppo i blocchi dovuti alla nostra mente sono più difficili da sbloccare dei semplici problemi tecnici, poi noi siamo donne e tendiamo sempre a moltiplicare le cose all'ennesima.

In bocca al lupo!!!
Raf*

Si infatti quando centra la psiche è un bel lavoro quello che c'è da fare sia per l'insegnante che per l'alunno, grazie per la risposta Raffaella, un saluto, Cinzia.

Ciao Raffaella
Nono, so bene che non devo ritenermi unica e rara per questo fatto, però ti dirò, a lezione quando siamo tutte assieme non so perchè sentendo le altre cantare mi viene una voglia irrefrenabile di dare il meglio di me, buttarla fuori e fare vedere chi sono, ma poi come attacca la canzone mi chiudo.
Sono davvero esasperata per sta sitazione, spero proprio di sbloccarmi.

  • 23
    Post
  • 7257
    Visualizzazioni