vorrei sapere se ci sono esperienze simili alle mie...

allora ragazzi... vi spiego le mie ansie e spero che qualcuno abbia avuto la mia esperienza o mi possa capire... io sono estraneo al mondo canoro... ma ho deciso di prendere lezioni di canto lirico da una nota soprano... sono andato a casa sua per conoscerla e mi ha detto... sentendoti parlare direi tenore... poi col canto lo vedremo... mi disse voglio sentire che voce hai... si e' messa al piano ha suonato delle note lei le ha cantate e si aspettava che io le rifacessi... cosa che ovviamente non e' avvenuta=) non ne ho presa mezza... come supponevo=) quello che volevo chiedervi e': premettendo che la mia paura e' di non riuscire a imparare... qualcuno e' partito da zero come me che nemmeno prendeva una nota ed e' riuscito ad imparare il canto? la prima lezione ufficiale devo ancora farla, ma non capisco come praticamente si tramuta il fiato in vocione da lirica, secondo io quelle scale che facevo per prova le facevo a caso diciamo... di gola... per salire di nota sforzavo la gola... si fa cosi? non si fa cosi? mi correggera'? imparero'? insomma sono molto in ansia... vorrei molto imparere ma non so se saro in grado... se avete avuto un percorso simile e vi va di raccontarlo ve ne sarei grato... Giacomo

il vocione è qualcosa che vien fuori con gli anni, idem come qualsiasi elemento sinonimo di buono e bello, cioè il legato, l'intonazione davvero granitica, l'agilità, etc.
parlo di vocione ma ben cantato, non di vocione strillato o cantato alla meno peggio, perché per quello ci vuole poco.

tu perché vuoi imparare a cantare lirica?

Voglio imparare a cantare lirica perche amo il canto... mi ha sempre affascinato... e adesso ho le possibilita per potermi pagare un'insegnante e poterci provare... ho scelto il canto lirico oltre che per un fattore di gusto per un fatto mio... ho una mia idea che non so se e' giusta o meno... ma e' la mia ed e' quella che mi ha motivato ad immettermi sulla lirica... visto proprio le mie insicurezze, ho pensato che un approccio lirico quindi piu impostato e tecnico se vogliamo mi avrebbe permesso di capire meglio se sto facendo progresso e sto usando correttamente il mio corpo al fine del canto... per farti capire... magari cantando normale potevo avere una voce piacevole ma usare solo la gola e devastarmi o non imparare... mentre se non uso correttamente l'aria non emetto correttamente i suoni e viceversa... non sprigiono ne la voce con la potenza ne col timro giusto e capisco meglio... non riesco a spiegarmi come vorrei, ma credo che mi dia piu segnali la lirica... tu leggendo quello che ho scritto sopra credi che anche io possa imparare?

certo, e poi chi sono io per dirti che non puoi imparare? Wink no, no assolutamente. potrei dirti 'non vedo miglioramenti' o 'non studi come potresti e dovresti' ma certo non 'non puoi imparare'. credo inoltre che nessuno possa dire una cosa del genere; intanto impara, poi si vedrà dove puoi arrivare.

ti chiedevo il perché della tua scelta poiché, per farla breve, il canto lirico richiede già di base una certa passione per un determinato tipo di musica, una mentalità ecco, che ti spinga a studiare molto tempo, per molti anni prima di vedere dei miglioramenti autentici. ma se tu dici che 'ti dà' più di altri generi, allora fallo, senza dubbio.

penso che voglia, passione, studio, ed esercizio possano (senza fretta) portarti ad emettere dignitosamente. basta non scoraggiarsi ed applicarsi.

grazie mille a voi DEI=) delle risposte... beh la determinazione non mi manca... rasento in tutto quello che faccio una caparbieta'e una insistenza finche non riesco al limite del patologico... ma potrebbe nin bastare... e' quello che temo... c'era una ragazza al primo incontro conoscitivo con la mia insegnante che andava da poco come me... lei me l'ha presentata, e mi ha detto che appunto partiva da zero come me... ho seguito la sua lezione... che era quello che aveva fatto fare die secondi a me per sentirmi... scale piano voce e lei che doveva rifarle fino a che non le venivano bene... si sentiva che era agli inizi era incerta e piee di pecche vocali ovviamente pero ad esempio gia riusciva a fare la voce lirica... io non credo ci riusciro mai... a mala pena riesco a sentirmi le gambe quando cammino figuriamoci usare una cosa interna che non sento quasi totalmente e di cui non ne ho il controllo oggettivo... si trattasse di un lavoro prettamente tecnico avrei meno ansie... ma qui non e' come imparare a disegnare non so se mi spiego... e' diverso... vabbe... proviamo=) e vediamo se riesco ad emettere suoni e sopratutto a beccare le note... che non e' da meno=) grazie mille dei vostri commenti... siete stati carinissimi

Guarda ognuno di noi ha il suo tempo, c'è chi riesce prima chi dopo, cmq per la lirica ci vuole tempo, quella che tu chiami voce "lirica" è voce impostata quindi diaframma, gestione del fiato ecc...l'altra ragazza forse riusciva già a contrallare il tutto...possibile con una lezione? considera che ci vuole un bel po' affinchè si capisce come si deve lavorare, quindi non ti scoraggiare inizia a studiare e ad impegnarti e poi vedi se col tempo ci sono i miglioramenti.

Sappi che in queste cose la fretta non porta da nessuna parte... Se hai fretta di vedere miglioramenti, mettiti a giocare ai videogiochi con i trucchi e vedrai quante soddisfazioni Wink

ma...

se ami veramente il canto e ti ci vuoi lanciare, magari ci metterai qualche anno, ma le soddisfazioni saranno tanto grandi da non farti maledire nemmeno un secondo di fatica!

Ciao Luna... beh la ragazza era agli inizi non alla prima lezione... mi pare di aver capito che era circa 6 mesi che gia aveva iniziato... per quanto riguarda Blackhawk non temere... il tempo dei trucchi su tomb raider per avere i medikit infiniti sono finiti=) anzi... una cosa piu e' difficile piu mi attrae... ma la difficolta deve essere superabile col tempo... la mia ansia nasce dal fatto non che ci impieghero tanto tempo ma che temo di non impare MAI... se mi assicurassero che ci metto un anno solo a capire come far funzionare la base della respirazione e tramutarla solo in voce, solo questo, ci metterei la firma...

per uscire la voce uscirà, e questo succederà molto prima dei sei mesi, il problema sarà iniziare a gestire non dico correttamente ma almeno decentemente l'emissione, e per quello ti ci vorrà più tempo, più studierai e più ti renderai conto di quante cose dovrai ancora studiare e risolvere... Wink

a imparare si impara e anzi è proprio vero che è un iter infinito verso la perfezione, che però nessuno ha mai raggiunto.
procurati un buon maestro, non di quelli che credono di avere la verità in mano o di essere gli unici depositari della tecnica (perché se ragionano così, son scemi), affianca delle lezioni con un pianista accompagnatore, molta buona volontà, ascolta il meno possibile i cd e recati molto a teatro.

beh magnolissima sono d'accordo anche io con te... diffido sempre da chi si crede con la somma sapienza... anche nel mio lavoro molti hanno questa attitudine... questo chiude la mente di chi ha questo modo di vedere e non solo ti trasmettano una visione limitata ma anche loro sono limitati... beh la soprano che ho trovato credo sia in gamba... insegna anche ha delle persone note nel campo musicale... mi ha fatto una ottima impressione... io non ho margine di paragone su come deve essere una buona lezione di canto... tu parli di accompaghamento al piano, io so come fa lei avendo visto lei e basta... lei suona... canta e fa ripete correggendo volta volta e consigliando... se e' buono o meno non so... questo dovete dirmelo voi che avete esperienza di canto e di metodi...

diciamo che sono due cose diverse: un conto è il maestro di canto che giustamente suona l'armonia dei vocalizzi ma poi sta a sentire soprattutto cosa fai con la voce; il pianista dovrebbe suonare del tutto non so, i vocalizzi o le arie, e soprattutto insegnarti il fraseggio, la musica, stimolarti a guardare e interpretare lo spartito come una mappa e nel modo corretto. è anche uno stimolo a diventare consapevole di cosa stai facendo, un po' alla volta, senza avere bisogno sempre del maestro di canto. ovviamente per i primi tempi può non essere necessario, ma se tutto fila liscio con la maestra di tecnica, direi che dopo 5, 6 mesi potresti fare una lezione ogni due-tre settimane con un pianista accompagnatore (non un diplomato in pianoforte, ma qualcuno che almeno studi composizione seriamente, oltre alla competenza pianistica ovviamente)

beh magnolissima ti ringrazio... mi hai dato utilissimi consigli... che io ignoravo completamente a causa della mia ignoranza del campo... ho fatto bene a iscrivermi e chiedervi esperienze e pareri per beneficiare della vostra esperienza... allora come prima meta vedo se qualcosa mi riesce imparare=) che non comunque non e' affatto scontato=) poi se vedo che la cosa si solidifica terro a mente cosa mi hai consigliato... augurami comunque buona fortuna=) per l'esperienza in partenza=)

conta che in conservatorio il pianista accompagnatore c'è dalla prima lezione del primo anno fino al giorno del diploma!

imboccallupo e tienici aggiornati Wink

sai magnolissima chi e' la mia insegnante... o almeno colei che ho contattato e che mi fara lezione? patrizia morandini... ho visto che hai parlato di lei in altri post... li ho letti dopo aver aperto questo... io sono rimasto molto entusiasta di lei gia dal solo incontro conoscitivo... poi ho letto molto bene... tu che ne dici?

  • 17
    Post
  • 3663
    Visualizzazioni